Ciminna


Piccolo borgo posto su una conca, il suo nome deriva dall’arabo soemîn, «pingue, grasso», a sottolineare la fertilità del suolo. Ciminna si distingue infatti per la produzione di grano, olive, uva, ortaggi, mandorle e fave. Particolarmente diffusa la lavorazione artigianale del legno e del ferro.

  • Foto Fabrizia Modica

Ha un centro storico di particolare fascino. Nel 1962 il regista Luchino Visconti girò a Ciminna alcune scene de “II Gattopardo”, affascinato dalla bellezza del paesaggio e dalla sua splendida chiesa Madre: Santa Maria Maddalena. Di gusto prevalentemente barocco, contiene pregevoli opere d’arte locale, come gli stucchi di Scipione Li Volsi, il coro ligneo intagliato, la statua della Vergine e quella settecentesca raffigurante S. Andrea. Edificata nel Medioevo, fu radicalmente riedificata nel 1500. Della costruzione originaria si conservano il rosone gotico sulla facciata e il campanile cinquecentesco.
Un’altra chiesa di particolare fascino è quella di San Giovanni Battista col miracoloso crocifisso, collocato in una nicchia intagliata sull’altare, e il trittico cinquecentesco con la Madonna dell’Udienza. Numerose altre chiesi minori insieme a stradine, vicoli stretti, archi e palazzi patronali offrono un suggestivo itinerario nel caratteristico centro di Ciminna.
Tra i punti di maggior interesse il Museo Civico “F. Meli” che conserva una raccolta etnografica e di arti figurative risalente al XVII secolo, la biblioteca pubblica che conserva i resti della “Biblioteca Capucinorum” e circa 600 volumi sul Risorgimento Italiano.

Non solo cultura e storia. A Ciminna si incontrano anche bellissimi paesaggi naturali. Molto suggestivo l’itinerario ecologico-geologico-speleologico e panoramico della Riserva Naturale delle “Serre di Ciminna” e dalla Riserva Naturale del “ Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto”.

Le manifestazioni religiose e folkloristiche di Ciminna sono tante e si svolgono durante tutto l’anno, analogamente agli altri paesi del Distretto. Tra le importanti si annoverano l’antica e pittoresca “A Vìvula Vìvula” che si svolge il mercoledì antecedente la Settimana Santa, la solenne processione per il precetto dei Malati “U Prucettu r’ì Malati”, U Triunfu r’à Marunnuzza un’antica processione notturna che risale al 1781.

U cuddiruni e ‘Nfriulata sono le due specialità gastronomiche di Ciminna. La prima è una focaccia morbida e gustosa, dal sapore forte e un profumo irresistibile. La seconda è un calzone farcito con tritato di maiale, condito con cipolle, patate, polpa di pomodoro e spezie.

 

Informazioni sul comune


Cosa Vedere


Chiesa Madre di Santa Maria Maddalena

Chiesa Madre di Santa Maria Maddalena

Chiesa di Santa Lucia

Chiesa di Santa Lucia

Chiesa di Sant'Antonio Abate

Chiesa di Sant'Antonio Abate

Chiesa di San Vito

Chiesa di San Vito

Chiesa di San Giuseppe

Chiesa di San Giuseppe

Chiesa di San Giovanni Battista

Chiesa di San Giovanni Battista

Chiesa di San Giacomo

Chiesa di San Giacomo

Chiesa di San Francesco d’Assisi

Chiesa di San Francesco d’Assisi

Chiesa di Maria SS. di Loreto

Chiesa di Maria SS. di Loreto


Condividi


RESTA AGGIORNATO SULLE NOSTRE INIZIATIVE

Segui i nostri canali social e iscriviti alla newsletter