Chiesa dei Quaranta Martiri alla Guilla



La Chiesa dei Quaranta Martiri alla Guilla venne edificata nel 1605 e intitolata a quaranta soldati cristiani della legione romana che nel 320 d.C. vennero condannati a morire in una palude gelata. Sul portale della facciata in tufo, è posto lo stemma della città di Pisa: la Chiesa infatti venne costruita dalla Confraternita della Nazione Pisana. L’interno è a pianta rettangolare e ha due profonde cappelle laterali. Nel 1725 Guglielmo Borremans realizzò la decorazione a fresco, entro le riquadrature illusionistiche e le cornici a finto stucco ideate dall’architetto Gaetano Lazzara. Anche l’altare maggiore in legno dipinto a finto marmo è del ‘700. In passato, sull’altare si trovava il quadro raffigurante Il martirio dei Soldati Sebasteni della XII Legione Fulminata, dipinto oggi custodito nella Galleria Regionale Siciliana.

Informazioni generali


Condividi


RESTA AGGIORNATO SULLE NOSTRE INIZIATIVE

Segui i nostri canali social e iscriviti alla newsletter